Giochi di società

A parte che mi diverto come una pazza.
A parte che conosco gente che mi interessa e ha qualcosa di interessante da dire.
A parte che ritrovo entusiasmo intorno e dentro di me. Per poi scoprire (ma mica poi tanto) che grazie ad internet il mondo non è la fuori ma dentro la mia testa, nei miei pensieri e in quella tastiera che batto in continuazione.

A parte che dal virtuale sono già passata al reale e ormai c’è un continuum tra le identità a video e chi incontro per strada, ad un meeting o sento al telefono.

A parte che esistono le affinità elettive e con i blog ci siamo tutti dentro.

A parte che si può essere parte di una comunità tenuta insieme da una ragnatela di pensieri e parole.

A parte tutto questo.

Ieri una istrionica ragazza mi ha messo in mano il suo di biglietto da visita e ci ho letto scritto: social player.

FIGO!!!

La prossima volta che mi chiedono che lavoro faccio rispondo che sono una social player. Voglio proprio vedere se hanno il coraggio di chiedermi cosa vuol dire.

No. Non vuol dire escort.

P.S.: che poi le mamme sono sempre state delle social player. Cammini per strada e ti saluta il fruttivendolo, fuori di scuola chiacchieri con le altre mamme, la vicina di casa ti ferma in portineria per sapere dell’assemblea di condominio.

Solo che prima si usava il termine “pettegola“.

 

 

 

I colori che ti porti dentro

Quando andavo all’università facevo vacanze alternative in compagnia di un’amica archeologa laureata in etruscologia. Tra le mete più amate sicuramente Umbria e Toscana, che giravamo palmo a palmo, alla ricerca del particolare scultoreo nella facciata di un’antica chiesetta del XII secolo, dell’ulivo millenario nascosto nel campicello del paesino più infrattato, del bicchiere di Montalcino da gustare all’ombra di un glicine. Belli i tempi delle scorrerie sulla mia Panda scassona, quando dormivamo in tenda senza saperla montare e tutte le sagre del cinghiale erano nostre! Che nostalgia di tutta quella libertà, di quell’essere responsabile solo di me stessa, di quel fare solo ciò che mi piaceva quando mi piaceva…

Continua la lettura →

Anime e corpi

Ieri sera un altro evento della mia recente vita di mamma blogger: la cena con le mie nuove amiche on line. Divertente, chiacchierona, confidenziale come solo le uscite tra donne sanno essere.

Continua la lettura →